In Senza categoria

Sul sistema duale si sono sprecati fiumi di parole. L’impressione che rimane è che questo impianto non giovi agli studenti e sia solo un fastidio per le aziende che li accolgono. L’esperienza che registra l’ITS Lombardo Mobilità Sostenibile è diametralmente opposta. I tirocini vengono scelti in base al percorso di studi dei giovani, in modo che possano incrementare le proprie conoscenze, e la loro preparazione, anche se basica, consente di coadiuvare le aziende nel lavoro quotidiano. Si tratta dunque di un sistema dove tutti ottengono dei sensibili vantaggi: una sempre più stretta collaborazione tra formazione e imprese non potrà che migliorare tale circolo già virtuoso.

A dimostrazione di tutto ciò c’è l’esperienza di tirocinio avviata dal corso di “Tecnico Superiore in Supply Chain & Operations Management” e Airline Logistics, azienda con sede operativa presso Malpensa Cargo City che offre un ventaglio di servizi logistici alle compagnie aeree e tra esse ha clienti importanti. Da metà aprile la società accoglie due studenti del primo anno del corso ITS. Abbiamo incontrato Marco Pittarello, il tutor aziendale, e i due giovani, Sara ed Ermes, presso Cargo City: “Non c’è mai stata una vera e propria scuola che insegnasse la scienza logistica. I corsi che proponevano un tempo le compagnie aeree non ci sono più, perciò è molto importante l’opera dell’ITS in tal senso” esordisce Pittarello, che aggiunge: “La strategia di queste scuole, che mira a comprendere insieme a noi cosa sia più opportuno insegnare perché i ragazzi, una volta diplomati, siano subito operativi, è decisamente corretta”. Quali benefici ottengono le aziende da questo approccio? “Accogliere ragazzi in stage con una base di conoscenze su ciò che facciamo è un vantaggio per noi, perché rappresentano un valido supporto e nuove forze fresche e proattive” prosegue Pittarello; “Sara ed Ermes, in particolare, stanno lavorando molto bene, perché mostrano la massima disponibilità e stanno applicando tutto ciò che insegniamo loro, facendo opportune domande quando non capiscono qualcosa. È evidente, nel contempo, che imparano a conoscere ogni giorno di più il nostro mondo”.

E cosa ne pensano Sara ed Ermes? “Ho scelto l’ITS Logistico perché è un settore in grande espansione, perciò sono certo che il corso mi offra ampi sbocchi lavorativi” afferma Ermes; “I docenti sono molto preparati e forse anche grazie ai loro insegnamenti l’impatto con lo stage è stato decisamente positivo: sto imparando moltissimo, accompagnato dai colleghi, che sono tutti molto disponibili. Mi sto rendendo conto che questo potrebbe essere davvero il mio lavoro futuro, perché mi piace molto”.

Sara ha conosciuto l’ITS attraverso una presentazione della scuola cui ha assistito e ha scelto il corso di Logistica “perché mi sembrava il più ‘femminile’. La formazione è più flessibile rispetto alla scuola superiore, la classe non è ‘affollata’ perciò siamo molto seguiti, un vantaggio rispetto alle Università. Ora nel tirocinio sto applicando le basi acquisite a scuola” prosegue Sara, “e soprattutto imparo veramente le caratteristiche di questo mestiere e mi sto realmente appassionando. Lo stage, inoltre, è importante per me perché mi fa sentire protagonista nel mondo del lavoro e consente di traguardare ciò che potrò fare nel futuro”. A tutto ciò ha certamente contribuito il fatto che “l’azienda dove mi trovo è ottima, i colleghi sono cordiali e c’è anche spazio per divertirsi”.

Una collaborazione così proficua per tutti i soggetti implicati non può che mostrare quanto il sistema ITS sia il più avanzato nell’applicazione del sistema duale, una strada da continuare a percorrere e migliorare costantemente.

Tecnico Superiore in Supply Chain & Operations Management

Recent Posts